Via Pontida, 2 - Legnano
0331 548252
Dal lunedì al sabato 08.00 - 12.30 e 15.00 - 19.30
03 Lug 2018

Pelle al sole – La preparazione

Pelle al sole - La preparazione

La preparazione della pelle all'esposizione solare deve iniziare il mese precedente alla stessa. Questa operazione la possiamo fare aiutandoci con un integratore opportunamente formulato.

Dovrà essere un prodotto che, grazie ai suoi principi attivi, sarà in grado di proteggere dai danni causati dalla prolungata esposizione solare.

L’azione sinergica svolta dai componenti del prodotto, inoltre, consentirà di ottenere un’abbronzatura più intensa in maniera più rapida.

Per fare tutto questo l'integratore da noi formulato conterrà:

  • L’acido Paraaminobenzoico è un filtro solare fisiologico della cellula, mentre la L-Fenilalanina è il precursore della melanina.
  • Il Betacarotene è utile per la pigmentazione e risulta di beneficio per coloro che soffrono di fotosensibilità.
  • La vitamina E è il protettore lipofilo della pelle e ha una forte azione antiossidante.

Vitasol avrà quindi le seguenti funzioni:

  1. Preparare la pelle al sole
  2. Mantenere l'abbronzatura più a lungo
  3. Proteggere la pelle dai raggi solari
  4. Prevenzione contro le rughe causate dall'esposizione solari
  5. Protezione dei capelli durante l'esposizione

Lo dovremo assumere 15 giorni prima dell'esposizione solare e durante la stessa, di preferenza al pasto.

16 Ago 2017

AGOSTO: TEMPO DI VACANZA E BILANCI!

Piccola pausa ed eccoci nuovamente qui, online e anche in farmacia.

Abbiamo riposato, abbiamo ricaricato le pile e siamo pronti per ricominciare.

Perché Agosto è davvero un mese speciale. Non è semplicemente il mese delle ferie. E’ il mese dello stacco. Del fermo – anche forzato – che ci permette di riposare ma soprattutto di riflettere.

 

Ad agosto prepariamo il terreno per quello sarà. Pensiamo a cosa siamo in quel momento e a quello che vorremmo essere. Pensiamo al desiderio sempre presente ma spesso sopito di realizzazione e serenità. Dal lettino o dal fresco di una baita riponiamo aspettative verso il mese che sarà. Perche se Agosto è il mese del fermo, Settembre è il mese della ripresa. Il vero inizio anno.

 

Voi che pensieri avete fatto?

 

Che aspettative state elaborando?

 

La nostra è stata una primavera ricca. Il sito nuovo, il lancio del blog, la nostra nuova avventura comunicativa.  L’estate è stata magica tra solari, ferie e stelle cadenti. L’autunno lo immaginiamo frizzante. Abbiamo tante idee in mente. Alcune sono progetti, altre sono nel cassetto.

 

Ferragosto è proprio il capodanno estivo. Superata quella data, l’estate volge al termine e noi abbiamo gia l’adrenalina di quello che sarà.

10 Ago 2017

AGOSTO IN UFFICIO: COME SOPRAVVIVERE!

E’ vero: in questo periodo parlano tutti di ferie e vacanze. Ma non proprio tutti partono e alcuni rimangono in ufficio.

Agosto è un pò cosi! Porta con se la voglia di stacco. E’ il famoso ponte tra il divertimento insito in luglio e la grande ripresa di settembre, vero e proprio nastro di partenza per l’anno che verrà.

 

Eppure, non sono poche le persone che lavorando nel mese del riposo per eccellenza.

Lavoro, stress e caldo possono metterci però ko. Possono renderci stanchi e tendenzialmente rabbiosi. Tuttavia basterebbe guardare le cose dalla giusta prospettiva e seguire qualche consiglio utile.

Qui abbiamo individuato tre suggerimenti assolutamente da seguire!  

 

1.DOSIAMO LE ENERGIE

Può capitare di dover intensificare il ritmo di lavoro proprio in quei momenti dell’anno in cui ci si aspetterebbe di poter riprendere fiato. In questi casi può essere molto importante imparare a dosare le proprie energie e massimizzare le proprie capacità di recupero.

 

2. RITROVIAMO LA CONCENTRAZIONE

Cosa fare per ritrovare la concentrazione perduta? Bisogna cominciare a osservare il livello della nostra attenzione. Non si è mai davvero disattenti, la nostra attenzione è sempre rivolta in una certa direzione. In certi momenti della giornata è rivolta all’esterno, in altri tende a spostarsi verso l’interno. In questi momenti la realtà interna delle persone comincia a diventare più vivida. Ricordi, emozioni, immagini mentali vengono percepite con una maggiore chiarezza. Bisogna imparare a intercettare questi cicli e fare delle pause durante questi momenti di spostamento dell’attenzione. In questo modo si ottimizzano i ritmi di lavoro e migliora la gestione delle energie psicofisiche.

 

3.PRENDIAMOCI DELLE PAUSE

Lavorare ad agosto può avere i suoi lati positivi: il telefono non squilla di continuo, i capi sono in ferie, il carico di lavoro diminuisce, non c’è traffico e si trova facilmente parcheggio. Focalizzare l’attenzione su questi aspetti può aiutare! Riconoscere i momenti di mare calmo e imparare a goderseli può permettere di portare un po’ di rilassamento anche sul luogo di lavoro.

Un ritmo più disteso può essere l’opportunità piu giusta per dedicarsi a se, al libro abbandonato per mancanza di tempo, allo sport trascurato e a quello che più si ama.

 

 

E’ vero che la stanchezza dell’anno si accumula ma, come in tutte le situazioni e contesti quotidiani, l’approccio può davvero fare la differenza!

 

01 Ago 2017

AGOSTO: E’ TEMPO DI RICARICA!

Primo Agosto.

Il fascino dell’inizio. La bellezza del ricominciare e il desiderio di vita.

Oggi sui nostri canali social abbiamo voluto aprire il nuovo mese cosi.

 

In generale possiamo dire che basta poco per darci l’input al sorriso, ad una rinnovata motivazione, a nuovi buoni propositi. La vera sfida, il vero impegno è successivo. Dobbiamo impegnarci per realizzarli e mantenere alta l’asticella motivazionale.  Si perché, calato l’entusiasmo iniziale, possono intervenire n variabili ad oscurare l’obiettivo di partenza.

 

Esempio: ogni anno ci si ripropone di seguire una corretta alimentazione e perdere peso.

Superati i primi giorni quanti effettivamente proseguono?

E perché succede tutto ciò?mPerché la MOTIVAZIONE tende con il tempo a venir meno!

 

Nella vita di tutti i giorni, nello sport, nella professione può succedere che l’entusiasmo iniziale con cui eravamo partiti possa avere un calo. Questo accade perché se non si rinnova la motivazione e quella fiammella che inizialmente era accesa tenderà piano piano a spegnersi.

In più può capitare che entrino in gioco delle circostanze esterne ed ecco che, se non siamo più che determinati, tenderemo ad abbandonare i buoni propositi che ci eravamo posti.

 

Ma cosa è la MOTIVAZIONE? Da dove nasce? E soprattutto come si fa a mantenerla accesa?

“La motivazione è il vento che gonfia le vele sulla rotta del nostro percorso di vita.” E’ quel fuoco che quando si accende brucia tutte le difficoltà che si possono presentare durante il cammino e ci porta alla meta!

La pianificazione attenta degli obiettivi è sicuramente una bussola importante con la quale orientarsi, ma se cala il vento la navigazione può diventare difficile!

Per questo la motivazione ha un ruolo imprescindibile.

Per raggiungere gli obiettivi (sportivi ma applicabili a qualsiasi cosa nella vita) dobbiamo sempre partire da questo presupposto: pensare che se siamo qui perché dobbiamo portare a termine la nostra missione personale fatta di tanti piccoli obiettivi. Per fare ciò dobbiamo per forza evolverci!

Non dimentichiamo che in natura se qualcosa smette di crescere muore! Quindi se noi smettiamo di crescere lentamente moriamo! Se ci facciamo sopraffare dalle nostre abitudini, dai nostri limiti, se ci continuiamo a crogiolare in quello che siamo ora con la paura del cambiamento non evolveremo mai!

Se si continua a restare attaccati mentalmente a quello che abbiamo già fatto e ottenuto, appagandosi dei risultati raccolti, non si va avanti!

 

Per cui sempre alta l’asticella, ai primi segni di calo rinnoviamoci, puntiamo alla soddisfazione e ripartiamo.

 

Noi vi auguriamo un Agosto di riposo, nuovi obiettivi e rinnovata motivazione!