Via Pontida, 2 - Legnano
0331 548252
Dal lunedì al sabato 08.00 - 12.30 e 15.00 - 19.30
13 Ago 2019

IDRATAZONE SPORTIVA

La disidratazione è un problema primario nella gestione delle attività sportive, specialmente per quelle di endurance.

In linea generale, nel sedentario, l’equilibrio di idratazione richiede il recupero di circa 2,5 litri di acqua nelle 24 ore.

Circa 1,250 litri è la quantità di liquidi che è necessario bere:

750-900 gr vengono forniti dall’alimentazione solida (cibi, frutta e verdura come acqua organica, di gran lunga migliore di quella minerale!!);
infine 350-450 gr di acqua vengono giornalmente recuperate dalle ossidazioni metaboliche (produzione endogena di calore ed energia con formazione finale di CO2 e H2O).
Anche se con una certa variabilità (età, dimensioni corporee, stagionalità, tipo di attività lavorativa) si valuta nel mezzo litro l’acqua utile per completare i rifornimenti realizzati durante i cinque pasti con varie bibite.

La disidratazione è un vero pericolo per lo sportivo, molto meno per il sedentario (il problema è più presente nelle fasce di età più avanzata), che al contrario può rischiare iperidratazione per eccessivo utilizzo di acque minerali a basso residuo e conseguente iponatriemia (diluizione plasmatica del sodio sotto i 110 mml/l con progressive implicazioni metaboliche).

Negli sport a scatti ripetuti le dispersioni per traspirazione sono molto alte, ma i tempi di attività sono ridotti (raramente superano 1,5 ore), quindi, la reidratazione (meglio con un po’ di sali e antiossidanti) va curata per non perdere reattività, ma non sarà mai un elemento capitale come nell’aerobica prolungata.

Nell’endurance, invece, l’idratazione è un fattore primario, da valutare con la massima attenzione e da programmare con intelligenza ed equilibrio.

Ci sono differenze tra bici, corsa, sci di fondo, trekking, nuoto, etc… a cui affiancare la variabilità delle condizioni ambientali (freddo, umidità, caldo secco) ma, in generale, il fattore determinante è il tempo di esercizio, specialmente oggi che prendono sempre più campo le pratiche sportive aerobiche estreme e competitive.

Cosa e quanto bere quando si pratica sport
Sotto le 2 ore
Si deve pensare a una semplice reidratazione con acqua (circa 750 cc ora, con adattamento, tenendo conto delle variabilità sopra descritte), cui aggiungere una piccola quota di sali ad alta biodisponibilità.

Dopo le 2 ore
Comincia a esaurirsi il glicogeno e quindi la reidratazione deve associarsi alla ri-alimentazione, qui cominciano i problemi: è molto difficile mantenere i liquidi ipotonici per garantire l’assorbimento dell’acqua e insieme fornire sufficienti quote di glucidi per sostenere l’esercizio e contrastare il catabolismo collegato all’esaurimento del glicogeno.

Un principio inderogabile per l’endurance prolungato è che si deve bere in maniera programmata e non quando si ha sete (sarebbe troppo tardi!!).

Predisporre (tenendo conto delle variabilità già accennate) un recupero di 300/500 cc di liquidi ogni mezz’ora, dopo le due ore vanno associate maltodestrine (con minima pompa di fruttosio):

1 MALTO GEL da 60/80 gr o una barretta KECARBO ogni 40-50’;
KESALI MINERALI con minerali e antiossidanti e maltodestrine lunghe (calcolare una busta ogni due ore).
Arrivando al rifornimento idrico (in genere ogni 5 – 7 km) assumere SPEED ENERGY GEL gel o la barretta KECARBO, cui fare seguire l’acqua di reidratazione.

I sali devono essere composti con minerali biodisponibili (altrimenti, vista l’entità della reidratazione, diventano veleni;

I gel devono avere una precisa concentrazione perché i glucidi vengano assorbiti senza dare scariche diarroiche e le maltodestrine scelte con un preciso peso molecolare;

Le barrette a base di carboidrati non devono contenere zucchero e riso soffiato (accettabile come merendina una tantum, ma veleno per una importante rialimentazione sportiva), ma specifiche maltodestrine e materiali nutrienti qualificati.

Imparare a pesarsi prima di partire e al termine della prova, dopo essersi reidratato: la differenza di peso non deve superare mai gli 800-900 gr (peso massimo di materiali e acqua di idratazione utilizzati per produrre l’energia necessari per una maratona)… il resto è DISIDRATAZIONE!

DA KEFORMA.COM

23 Lug 2019

Come aumentare la massa muscolare – 2

È sempre impegnativo dare i 10 comandamenti, infatti difficile che tutti si riconoscano in linee guida ferree che poi, nella pratica, devono sempre e comunque essere personalizzate secondo le caratteristiche del singolo individuo.

Vi diamo quindi 10 regole per aumentare la vostra massa magra ovvero muscolare per un fisico più definito.

Dai spazio al recupero: non è vero che di più è meglio, soprattutto per la frequenza. Vero è che puoi allenare anche solo 1 muscolo al giorno e quindi prima che torni ad allenare quel muscolo passano 6/8 giorni, ma gli organi di “smaltimento” sono sempre gli stessi e corrono il rischio di sovraccaricarsi . Si possono fare brevi periodi con alta frequenza ma questi devono avere poi periodi di supercompensazione.
Dormi molto e bene: non è importante solo la quantità 7/9 ore , ma la qualità del sonno. Un’ ottima componente di sonno profondo, è l’elemento base per il recupero e la crescita. Il sonno deve essere prevalentemente notturno, lo sa bene chi per lavoro fa i turni che il sonno diurno ha qualità diversa.
Mangia spesso: almeno 6 volte, colazione, metà mattina, pranzo, pomeriggio, cena e dopo cena; e comunque usa la regola delle 2,5 ore circa fra un pasto e l’altro. Se passano molte ore fra pranzo e cena introdurre due spuntini nel pomeriggio.
Mangia bilanciato: a ogni pasto dare spazio a tutti i nutrienti. Non solo proteine e glucidi, anche i grassi sono dei grandi alleati, sono dei mediatori ormonali, forniscono calorie interessanti e migliorano i recuperi.
Non fare allenamenti troppo lunghi: volumi intensi di lavoro, e/o l’assidua frequenza, sono parametri da usare con le “molle”. In alcuni casi possono essere dei validi stimoli, quando se ne abusa però, portano inevitabilmente a stress cronico con relativo catabolismo.
Pensa positivo: la mente è un grande alleato per l’ottimizzazione dei processi metabolici; la positività aiuta i sistemi ormonali e a superare la negatività generata dagli inevitabili ostacoli e contrattempi del quotidiano. È fondamentale definire gli obbiettivi ( anche a breve termine) per recarsi in palestra con già le idee chiare, consapevoli che si farà un ottimo training.
Affidati ai movimenti base: squat, stacchi, panca, lenti , sono i fondamentali; non si costruisce massa abusando di alzate laterali , croci o braccia. Dedicati a questi esercizi cambiando serie, ripetizioni, recuperi. Poi ci possono essere periodi in cui i complementari servono per scaricare le articolazioni e dare un tipo diverso di intensità.
Non concentrarti solo su alcuni gruppi muscolari: prima occorre costruire solide fondamenta, non fare come quei principianti che già dopo 6 mesi vogliono concentrarsi solo su uno o due muscoli.
Usa gli integratori giusti: attenzione, non occorre abusarne, semplicemente seleziona i principali ; delle buone proteine, i BCAA (aminoacidi ramificati) oppure un pool di aminoacidi, la glutammina, la creatina, un sostegno per le articolazioni, l’HMB. Già questi sono più che sufficienti per sostenerti e integrare un’alimentazione che deve però avere in se le linee guida corrette.
Scegli una palestra motivante: ben attrezzata ma che abbia ciò che serve veramente, tanti manubri e bilancieri, panche e magari 2 rack per lo squat. Solitamente in questi ambienti potrai anche trovare compagni di allenamento con cui condividere allenamenti, obbiettivi e discussioni. Allenarsi in un ambiente sterile e “moscio” è certamente poco motivante e non si instaura quello spirito necessario per raggiungere gli obbiettivi.
I punti da sviluppare sarebbero ancora molti ma in realtà con i 10 che avete letto siete già a buon punto.

Un successo si costruisce dalle basi, andando ad ottimizzare tutti quei componenti che non sono solo allenamento e alimentazione, ma tutto quel complesso di situazioni che contribuiscono a raggiungere la meta.

Arnold diceva che per crescere occorre “allenare per la massa, mangiare per la massa, pensare per la massa”.

05 Giu 2019

EGGPROTEIN

Arrivano le proteine dell’uovo, ottime per gli intollerante al lattosio.

EGG PROTEIN di KEFORMA è un’avanzata proteina dell’uovo di altissima qualità proveniente da materie prime certificate e sottoposte ad un esclusivo ed innovativo trattamento che prevede una attenta lavorazione tutta a rigido controllo di temperature e pressioni.

Le proteine dell’uovo
L’avanzata tecnologia estrattiva prevede molteplici fasi di separazione e raffinazione che vede una sequenza di centrifugazione, essiccazione, filtrazione, ultrafiltrazione, fermentazione enzimatica. Questa complessa tecnologia origina un prodotto altamente solubile che lascia perfettamente integre le qualità della proteina dell’uovo impedendone ogni denaturazione.

Questo fa dimenticare le vecchie procedure estrattive che usavano processi essiccativi ad alte temperature che denaturavano il principio attivo e con un prodotto finale poco palatabile, poco solubile e con modeste percentuali proteiche.

EGG PROTEIN è infatti perfettamente solubile, priva di retrogusto e dotata di una digeribilità eccellente.

Proteine senza lattosio ad alta digeribilità
Non contiene lattosio e ha tempi medi di assimilazione, tempi che si pongono a metà strada fra le caseine e il siero del latte.

La proteina dell’uovo è caratterizzata con il più alto indice di qualità proteica (per rapporto di efficienza proteica) la quale consiste nell’aumento di peso in grammi per ogni grammo di proteina ingerita.

Il tenore proteico stq è dell’81,4% e, analizzando l’aminoacidogramma, su questa % si rileva 34,4 g di AA essenziali con ben 16,7 g di BCAA; inoltre il bnon mette in competizione carrier di trasporto con i BCAA che possono così essere utilizzati rapidamente e completamente.

19 Mar 2019

Valutazione pelle e sconto 30% Roche Posay

La pelle sensibile ama la stabilità e sopporta poco i cambiamenti.

Primavera e autunno sono le stagioni più temibili, a causa delle imprevedibili condizioni meteorologiche.

Con la sua fragile barriera e le terminazioni nervose ipersensibili, la pelle non ha il tempo di abituarsi al cambiamento repentino di temperatura e di livello di umidità, e questo comporta un aumento della sensibilità.

Ogni stagione, inoltre, è caratterizzata da picchi di allergeni diversi provenienti da differenti tipi di piante. In primavera prevalgono i pollini degli alberi, l’estate è la stagione di prato e fieno e l’autunno quella dei pollini delle erbe.

Per molte persone questo comporta un innalzamento e abbassamento della sensibilità della pelle nel corso dell’anno.

Per mantenerla in equilibrio e in buono stato riducendone progressivamente la sensibilità, hai a portata di mano specifici trattamenti dermocosmetici.

Scopri insieme alla nostra consulente Roche Posay tutti i trattamenti specifici dermocosmetici,  per aiutare a  mantenere la pelle in equilibrio e in buono stato riducendone progressivamente la sensibilità.

Una occasione irripetibile, con tutti i prodotti La Roche Posay scontati del 30%

Imperdibile!

26 Feb 2019

I 4 moschettieri

Il primo pensiero è: cosa accomuna il libro di Dumas con un articolo d’integratori? A dire il vero poco ma potrebbe essere interessante riflettere sul fatto che i 3 moschettieri in realtà non erano 3, ma 4 , in quanto anche D’Artagnan fu parte attiva del gruppo.

Detto questo finisce l’escursus letterario ed inizia quello “integrativo” dove il “matrimonio” fra BCAA e Glutammina apparirà evidente.

I BCAA sono uno dei pilastri dell’integrazione sia energetica che plastica. Sono statisticamente gli integratori (insieme a Sali minerali e proteine in polvere) più usati dagli sportivi sia di forza che di resistenza.
I BCAA da soli formano circa il 60% degli Aminoacidi presenti nel muscolo (la glutammina è un altro di quelli più presenti). Questo significa che quando si svolge una attività fisica, BCAA e glutammina sono gli aminoacidi maggiormente coinvolti partecipando sia all’azione “pro anabolica” che a quella “anticatabolica”.
Proporzionalmente alla durata dell’impegno questi amino acidi impediscono che venga distrutto tessuto muscolare durante la prestazione e analogamente forniscono un substrato energetico.
L’aminoacido Valina, componente dei BCAA, e la Glutammina sono classificati come aminoacidi glucogenetici, cioè creano glucosio da piruvato prodotto dalla loro deaminazione; in parte questa azione è svolta anche dagli altri 2 BCAA (Isoleucina e Leucina).
Accanto a queste funzioni anabolico-energetiche i BCAA svolgono anche un’altra importante funzione antifatica. La fatica può essere da esaurimento dei fosfati e/o da un’ acidosi muscolare.
Ma la Glutammina? Abbiamo già detto che rappresenta una quota importantissima degli aminoacidi liberi presenti nel corpo. Questo aminoacido, svolge un azione importante per la muscolatura e il sistema immunitario.
Durante un allenamento uno dei primi aminoacidi a diminuire di concentrazione ematica è la Glutammina; inizia così la sua sintesi.
Per poter produrre Glutammina una delle vie utilizzate può essere quella del catabolismo dei BCAA; il tempo necessario per la sua sintesi può però non coincidere con il momento di reale fabbisogno, causando così una una carenza nei momenti cruciali.
La Glutammina inoltre può concorrere alla riduzione dell’effetto catabolico dell’ormone cortisolo.
Infatti il Cortisolo aumenta il bisogno di Glutammina a livello intestinale,la sua degradazione nel fegato e l’esaurimento di quella ematica e muscolare.
La Glutammina ha anche un beneficio diretto sull’idratazione.
Il consumo di Glutammina a seguito di attività fisica, comporta una perdita di acqua cellulare. Si può quindi mantenere l’idratazione apportando Glutammina, arrestando così anche il processo catabolico e attivare quello anabolico di risposta allo stress.
Ci sono evidenze sul ruolo della Glutammina nel coaudiuvare l’equilibrio acido-base che viene logicamente alterato quando si producono quantità elevate di acido lattico.
Oltre ai benefici già descritti della Glutammina, questo amimo acido svolge un ruolo fondamentale nel sistema immunitario; integrare questa sostanza è fondamentale per evitare che il sistema immunitario stesso vada a sottrarlo dalla muscolatura.
La Glutammina è attiva inoltre come disintossicante e antiossidante tramite la sintesi endogena di Glutatione. L’azione disintossicante si identifica anche nei confronti dello smaltimento dell’ammonio (scoria derivata dalla degradazione delle proteine e che deve essere smaltita in buona parte a livello renale)
Una delle prerogative per cui la Glutammina è conosciuta, è dovuta al fatto che la essa attraversa la barriera emato-encefalica svolgendo un ruolo di sostegno a molte funzioni legate alla memoria e capacità di concentrazione.
Per tutti i motivi riportati la Glutammina è un “partner” ideale dei BCAA. Può infatti essere associata ai ramificati prima (a scopo energetico), durante (con scopo energetico, anticatabolico e di sostegno nervoso) e dopo la prestazione (per azione plastica e di recupero). Nulla toglie che per avere una azione di “sveglia” così come di supporto immunitario, la sua assunzione possa essere fatta anche al mattino.
L’accurata scelta delle materie prime (KeForma usa solo Glutammina Kyowa, certificata ad elevatissimo tenore di purezza) è certamente uno dei criteri da adottare nella scelta del tipo di integratore da adottare.

12 Feb 2019

Proteine Vegetali

KeForma, da sempre impegnata nella ricerca di innovazione e qualità delle proprie materie prime, ha deciso di proporre una proteina Vegan Suitable.

È posizione dell’American Dietetic Association che le diete vegetariane correttamente pianificate o vegane sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie.

Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti. (J Am Diet Assoc. 2009; 109: 1266-1282)

L’antropologia, ossia lo studio dell’evoluzione dell’uomo, mette in evidenza come le abitudini alimentari lo hanno condizionato nel suo rapporto con la natura.

Studiosi sostengono che in origine l’uomo era semplice raccoglitore, si cibava solamente di quello che cresceva spontaneamente, quindi era presumibilmente vegano.

La sua natura nel campo evolutivo lo portò però alla scoperta della caccia con la quale diventò nomade, in quando doveva seguire i movimenti degli animali per procacciarsi il cibo, continuando a cibarsi di ciò che poteva raccogliere tra una battuta di caccia e l’altra.

In questa fase l’uomo passò dall’essere vegano all’essere onnivoro, ma non avendo abbondanza di cibo era al riparo da diverse patologie legate ad un consumo eccessivo di cibo (vedi obesità, patologie cardiovascolari, diabete di tipo II).

Successivamente, scoprì l’allevamento e l’agricoltura e divenne forte consumatore di cereali e derivati animali che lo portarono ad un eccessivo consumo di cibo, cattiva abitudine che purtroppo replichiamo ancora nel terzo millennio, con atteggiamento sempre più sociale e culturale, dimenticando spesso la vera natura del cibo: nutrire.

Al giorno d’oggi, considerando la reale alimentazione quotidiana e riflettendo sul tipo di cibo che ingeriamo, possiamo tranquillamente considerare le popolazioni “occidentali” prettamente carnivore, nascoste dietro una maschera di onnivori.

Questo tipo di alimentazione porta con se una serie di problematiche che vanno dall’inquinamento atmosferico allo sviluppo di diverse patologie (obesità, patologie cardiovascolari, diabete di tipo II).

Sicuramente KeForma non si pone l’obiettivo di salvare il mondo e la sua popolazione da questa minaccia, ma nel suo piccolo vuole offrire una serie di soluzioni che possano quantomeno apportare miglioramenti all’alimentazione.

VEG PROTEIN 100% è una novità nel campo proteico e contiene esclusivamente tre fonti di origine vegetale: soia, riso e pisello. Tra queste ricordiamo che il pisello utilizza l’azoto per crescere e la sua coltivazione non richiede quindi l’uso di fertilizzanti azotati dannosi.

Questo mix di proteine risulta avere un eccellente valore biologico grazie alla compensazione proteica che si ha dall’abbinamento delle diverse fonti vegetali. Infatti le carenze di aminoacidi lisina e triptofano delle proteine dei cereali vengono compensate dalle fonti proteiche dei legumi, quest’ultimi carenti di metionina e cisteina.

Le proteine del riso contenute in VEG PROTEIN 100%, vantano il miglior valore biologico come proteine dei cereali, assieme ad avena e segale, rispetto agli altri maggiori (mais e grano) e minori (khorasan, orzo, farro, miglio), ma con assenza di glutine, rendendo quindi VEG PROTEIN 100% un ottimo prodotto privo di lattosio e glutine. Particolarmente indicato per individui che soffrono di queste comuni intolleranze alimentari.

Sono inoltre proteine molto digeribili e non contenendo nessuno degli allergeni più diffusi, avendo per tanto alta biodisponibilità degli aminoacidi. In altri termini, non potendo trarre alcun vantaggio nutrizionale da ciò che non si digerisce, meglio una proteina ad alta tollerabilità che una a più alto valore biologico.

Vegan Protein segna quindi un’innovazione tra le proteine vegetali monoderivate (solo soia, solo riso, solo pisello, solo canapa, etc…) contraddistinguendosi, grazie al suo mix di fonti proteiche, per una maggiore velocità di assorbimento rispetto a una caseina od ovo albumina e una più lenta rispetto alle whey.

Si possono quindi inserire come intermedio eccellente sia per il post workout che come proteina a lento rilascio.
Ottima alternativa per diversificare le fonti alimentari proteiche di qualità negli onnivori, diventa un integratore molto interessante per i vegetariani e fondamentale nel recupero post-allenamento di atleti vegani.

Dott. Lorenzo Bergami

15 Gen 2019

Glutatione Liposomiale per un assorbimento Top

Le forme più comuni di glutatione, ossia in compresse, in capsule, in polvere, liquido e anche da fonti alimentari, danno un piccolo beneficio dato che non sono capaci di resistere ai processi digestivi del corpo e i livelli di assorbimento sono bassi. Fino a poco tempo fa, la somministrazione di glutatione per via endovenosa era considerata la via di assorbimento più efficace, ma questo metodo è costoso e poco pratico. Fortunatamente, il glutatione Altrient usa un glutatione liposomiale clinicamente testato chiamato Setria®che offre notevoli vantaggi.

Il glutatione Setria® è la forma più pura e sicura di glutatione, prodotta utilizzando un processo di fermentazione brevettato. Il glutatione Altrient è incapsulato tra gli strati di fosfolipidi essenziali chiamati liposomi. Questi formano una barriera protettiva intorno al contenuto, permettendo quasi il 100% di biodisponibilità. Queste minuscole bolle liposomiali possono bypassare i succhi digestivi e rilasciare il glutatione direttamente nelle cellule. Questa formula orale offre un modo semplice ed efficiente per aumentare i livelli di glutatione nel corpo, senza i costi e gli inconvenienti della somministrazione endovenosa.

Questa potente sostanza nutritiva ricicla gli antiossidanti come la vitamina C, ottimizzandone l’attività nel corpo, aiutando a neutralizzare i danni causati dai radicali liberi alle nostre cellule, provocati da tossine, stress e malattie.

    • AIUTA IL FEGATO E I RENI ELIMINANDO LE TOSSINE.
    • SVOLGE UN RUOLO FONDAMENTALE NEL SUPPORTO DEL SISTEMA IMMUNITARIO.
    • NEUTRALIZZA I RADICALI LIBERI E RIATTIVA LE VITAMINE C ED E.
    • RENDE LA PELLE PIÙ LUMINOSA E CHIARA, RIDUCE LA PRODUZIONE DI MELANINA.
    • REGOLA L’AUMENTO DELLA PRODUZIONE DI MONOSSIDO DI AZOTO, DOPO L’ALLENAMENTO, PER RIDURRE LA FATICA.
19 Dic 2018

Sei pronto per sciare?

Per affrontare la stagione sciistica in sicurezza bisogna essere avere un fisico forte e magro, dunque bisogna:

  • non essere in sovrappeso nell’accezione “classica” del termine (IMC < 25) o meglio ancora valutare il rapporto massa magra/massa grassa
  • superare il fit test in una delle discipline di endurance come nuoto, corsa, bicicletta.

Per sciare bisogna avere una preparazione una preparazione fisica di base: chi la possiede, può andare a sciare senza problemi, eventualmente potrà integrare con qualche esercizio specifico. Per chi gli altri è necessario un programma che ci faccia avvicinare un buona buona forza, potenza ed elasticità alla prestazione

Nello sci il carico sulle articolazioni è proporzionale al peso corporeo dunque essere in sovrappeso aumenta il rischio di infortuni. Non occorre essere in perfetto peso forma ma almeno bisognerebbe evitare il sovrappeso “tradizionale”, cioè bisognerebbe avere un indice di massa corporea non superiore a 25.

Superare il fit test nella corsa, nel ciclismo o nel walking, significa avere una resistenza aerobica, una forza e una resistenza alla forza sufficienti per affrontare una giornata di sci senza problemi. Ovviamente questo non significa essere in forma perfetta e certamente alla fine della prima giornata di sci le gambe saranno stanche, e qualche dolore il giorno dopo sarà presente. Ma di certo non si arriverà all’esaurimento muscolare dopo poche piste e il recupero, i giorni seguenti, consentirà di reggere senza problemi.

14 Nov 2018

Phytoplancton Maschera Capelli – Di Luca Milano

Phytoplancton è formulato con Terra Diatomacea (alghe diatomee fossili) ricca di silicati di calcio, ferro, manganese, magnesio e titanio. Svolge un’azione mineralizzante, purificante e rafforza i capelli.

Il silicio è uno dei minerali più importanti per la salute umana: svolge un ruolo in molti processi del corpo ed è direttamente correlato all’assorbimento dei minerali.

Il corpo umano medio contiene circa sette grammi di silicio, una quantità molto più elevata rispetto ad altri importanti minerali come il ferro.

La farina fossile o diatomite è una roccia sedimentaria organogena silicea. La composizione chimica vede un’elevata percentuale di carbonato di calcio e diossido di silicio.

La terra diatomacea è una polvere grigia fatta di resti fossili di diatomee (un tipo di alghe che vivevano nei mari e nei laghi molti milioni di anni fa). È al 100% naturale e funziona perché, anche se la polvere ha una dimensione microscopica, è allo stesso tempo molto forte e molto assorbente, così efficace da asciugare i parassiti che ne vengono a contatto e farli morire.

La terra diatomacea viene spesso raccolta in aree in cui un tempo vi erano grandi masse d’acqua, che conservano tutti i depositi dei residui di esoscheletri ormai sono diventati fossili. Proprio queste sostanze offrono dei benefici naturali unici:

  • pelle sana: il collagene, in gran parte, è fatto di silicio. Se il nostro corpo ha abbastanza silicio, ci farà sembrare più giovani. Il silicio aiuta anche chi ha problemi di pelle e lesioni con prurito, eruzioni cutanee, ascessi, foruncoli, acne;
  • capelli in crescita: il silicio è il componente principale dei capelli. Utilizzando un supplemento di terra diatomacea ci aiutiamo a prevenire la calvizie;
  • il silicio contenuto nella terra diatomacea stimola il metabolismo a livelli di energia più elevati.

Vieni in farmacia a scoprire questa fantastica novità!

11 Ott 2018

Il Fisioterapista e la Farmacia

Per ampliare ulteriormente i servizi dedicati alla salute e al benessere della persona la nostra farmacia collabora con un team di Fisioterapisti professionisti abilitati e iscritti all’ordine.

Prevenzione, cura e riabilitazione dei pazienti affetti da patologie e/o disfunzioni congenite neuro-muscolari, scheletriche e viscerali, traumi sportivi, patologie della colonna vertebrale, saranno trattate attraverso molteplici interventi terapeutici.

I protocolli riabilitativi, prescritti dal medico/ortopedico/fisiatra, che prevedono terapia fisica, terapia manuale/manipolativa, massoterapia, terapia posturale, kinesiterapia e l’utilizzo di TECAR saranno effettuati dai fisioterapisti professionisti in locali vicini alla nostra farmacia.

La dottoressa Zibetti Silvia Maria ci spiega a cosa serva la Tecar Terapia: “La tecnologia HumanTecar è studiata per riattivare i naturali processi riparativi. Intervenendo sul sistema circolatorio, consente un recupero rapido ed efficace inducendo il corpo a produrre calore, così da stimolare una guarigione veloce e fisiologica”.

Vi aspettiamo in farmacia per maggiori informazioni!