Via Pontida, 2 - Legnano
0331 548252
Dal lunedì al sabato 08.00 - 12.30 e 15.00 - 19.30
28 Mag 2019

Perdere Peso

Con l’arrivo della bella stagione, l’eliminazione di qualche chilo di troppo diventa uno degli obiettivi più frequentemente richiesti dagli utilizzatori di prodotti nutraceutici.
Le strade possibili e gli approcci disponibili sono decisamente tanti e basati su una serie di razionali funzionali tra loro molto diversi.

Com’è possibile per l’utente finale orientarsi relativamente al prodotto o alla gamma di prodotti che maggiormente rispecchiano le proprie necessità?

Un ottimo metodo potrebbe essere quello di semplificare, riducendo le varie soluzioni proposte in due macro-aree principali, dove prendere in considerazione le soluzioni in grado di esercitare uno stimolo o meglio un supporto metabolico piuttosto che le soluzioni in grado di intervenire a livello nutricinetico frenando la velocità di assorbimento dei nutrienti assunti.

Partendo dall’analisi delle soluzioni nutricinetiche è possibile identificare una serie di strumenti dalle caratteristiche interessanti, che hanno in comune la capacità di formare, a contatto con l’acqua, una matrice viscosa comunemente definita gel.

Quali sono i benefici derivanti dall’assunzione di fibre viscose?
La viscosità della fibra permette da un lato un’efficiente miscelazione con il materiale in digestione e dall’altro una sorta di modulazione, se non vera e propria riduzione, nella velocità di digestione enzimatica dei nutrienti in esso contenuti.

Quali sono alcune tra le principali risorse nutraceutiche?
Molto interessanti si mostrano la gomma di acacia, che unisce da un lato la capacità di formare gel viscosi, dall’altro quella di essere fermentata, agendo così come sostegno energetico nutrizionale per i bifidobatteri, specie fondamentali per un equilibrato benessere intestinale.

Con questa finalità diviene ulteriormente interessante l’abbinamento ai frutto oligo saccaridi (FOS), altra sostanza prebiotica fondamentale per il sostegno di questi batteri positivi, utile inoltre nel ridurre l’assorbimento dei grassi.

Un’ ulteriore sapiente miscela di fibre viscose, che possa includere per esempio il guar, gli arabinogalattani e il glucomannano può ulteriormente contribuire nella modulazione della velocità e nell’entità dell’assorbimento dei nutrienti, favorendo dinamiche più equilibrate e funzionali al dimagrimento, eliminando i potenziali effetti collaterali derivanti dall’assunzione di una singola fibra in quantità importanti.

Effetto sazietà per un controllo alimentare
L’effetto saziante inoltre dimostrato si rende molto adatto nel supportare tutti quei soggetti che trovano difficoltà nel seguire un piano alimentare controllato.

Supporto e stimolo del metabolismo
Quando invece si parla di supporto e stimolo metabolico la situazione si complica leggermente, in quanto vengono messe insieme molecole dagli effetti anche marcatamente diversi, che contribuiscono sinergicamente all’ottenimento del risultato.

Quali elementi aiutano a trasformare i grassi in energia?
Molto interessante a tal proposito è il contributo fornito dal peperoncino grazie al suo contenuto in capsaicina, sostanza molto interessante nello stimolo dell’attività del sistema nervoso, favorendo in particolare il consumo lipidico come fonte di energia.

Il suo utilizzo si rivela particolarmente interessante contestualmente a quello della caffeina, noto stimolante metabolico in grado di agire efficacemente sulla risposta nervosa e cardiovascolare, completando sinergicamente l’effetto del peperoncino. Non essendoci in questo caso un effetto saziante di natura meccanica, come nel caso delle fibre viscose, si rivela molto utile l’utilizzo di arancio amaro, proprio in virtù della sua capacità di modulazione nei confronti dell’appetito.

Il maitake, fungo dalle notevoli proprietà tonico-adattogene, modula il performance status dell’utilizzatore, derivante da un equilibrato stimolo delle diverse componenti metaboliche. Si mostra quindi particolarmente indicato oltre che per coloro che stanno seguendo un programma di dimagrimento soprattutto per quei soggetti con alterazioni dei principali parametri metabolici, come per esempio quelli implicati nella sindrome metabolica.

Ultimo ma non meno importante deve essere considerato il benessere intestinale, che spesso viene meno quando si inizia un piano di alimentazione controllata, queste problematiche non sussistono generalmente per i prodotti a base di fibre solubili in quanto il gel viscoso di per se costituisce un ottimo supporto meccanico alla defecazione e assumendole con buoni livelli di acqua le fibre solubili tendono ad aumentare la massa e l’idratazione fecale.

Utilizzando invece un approccio di stimolo metabolico, l’utilizzo di una micro-dose di lassativi antrachinonici come la senna e/o il rabarbaro possono favorire il mantenimento dell’equilibrio intestinale.

Le soluzioni quindi possono essere funzionalmente raggruppate, in base alle esigenze che accomunano diverse categorie di soggetti, garantendo ad ognuno un approccio efficace, sicuro e adatto alla propria situazione.

da www.nutrifarma.it

11 Set 2018

Vitamina D e performance – 1

Esistono numerose evidenze scientifiche e review che mettono in evidenza il fatto che la vitamina D sia essenziale per la struttura muscolare e la sua ottimizzazione.

All’inizio del XX secolo, si diceva che gli atleti ricorressero alle radiazioni UVB per migliorare le prestazioni rispetto agli avversari.
Più specificamente, negli ultimi anni è stata individuata una relazione tra insufficienza di vitamina D, atrofia delle fibre muscolari scheletriche di tipo II e aumento della deposizione di grasso intramuscolare. È dimostrato che la somministrazione di vitamina D capovolge gli effetti dell’atrofia muscolare negli anziani e aumenta la forza (quindi gli atleti di un secolo fa ci avevano visto giusto).

Negli ultimi anni diversi ricercatori hanno scoperto che il misterioso recettore della vitamina D è un’intera “superfamiglia” di ormoni steroidei, con numerosi e svariati effetti di promozione della crescita a livello genetico (effetti genomici).

La vitamina D viene attivata dal sole con una esposizione di 30 minuti e ¾ della superficie corporea esposta.

Negli alimenti la troviamo:

  • Olio di fegato di merluzzo (1 cucchiaio) 800UI
  • Salmone fresco (85 g) 288UI
  • Tonno in scatola (85 g) 76UI
  • Uova (1 uovo medio intero) 14UI
  • Cereali per colazione fortificati (27 g) 22UI
19 Dic 2017

NATALE 2017: CONSIGLI PER NON INGRASSARE!

Siamo nella settimana più magica e frenetica di Dicembre. La settimana che – calendario alla mano- si chiude per iniziare con il 25. Giorno di festa.

Per chi passa in compagnia queste festività, superato il problema dei regali, c’è un altro pensiero fisso.
Il peso.
Perché si, non si tratta solo delle giornate di festa da calendario. Da qui al 6 gennaio il percorso è irto di ostacoli anche per chi ha forza di volontà. Pensiamo alle cene e ai pranzi di Natale.  Pensiamo agli aperitivi organizzati per gli auguri. E tanto altro.

Ma come si fa a tenere tutto (soprattutto il peso) sotto controllo senza il rischio di apparire antipaticamente asociali?

Abbiamo pensato di indicarvi alcuni trucchi – salva taglia!

In primis limitiamo le porzioni: assaggiamo tutto (piu o meno) ma limitiamo le quantità. Inoltre se arriviamo impreparati ai grandi giorni con un equilibrio intestinale compromesso lo stesso assorbimento degli alimenti viene compromesso. Non avviene infatti in modo corretto ed è quindi più facile accumulare grasso indesiderato, vanificando perfino gli effetti di diete e restrizioni caloriche.

 

Non interrompiamo l’attività fisica: il corpo non va in vacanza. Non rinunciamo alle abituali pratiche sportive e se il giorno prima abbiamo esagerato concediamoci il tempo di una corsa.

 

Non esageriamo con dolci e grassi! Ci sono i peccati di gola. Ci sono quelle pietanze particolarmente ricche di grassi. Ci sono e vanno evitate.
Se siamo difronte ad un buffet di dolci, non rinunciamo in toto ma concediamoci solo il nostro dolce preferito.

31 Ago 2017

FOCUS MULTIVITAMINICO: COME, QUANTO E PERCHE!

Perchè devo assumere un multivitaminico? Quale devo scegliere?

Il rientro alla quotidianità è sempre caratterizzato da nuovi interrogativi e soprattutto rinnovati buoni propositi. Ma andiamo per ordine e racchiudiamo qui le domande/richieste piu frequenti.

 

CONSUMO ABBASTANZA VERDURE E FRUTTI CRUDI E FRESCHI?

Frutta e verdura sono tra le principali fonti di micronutrienti come vitamine e minerali.

Perchè preferirle fresche e crude?

Fresche perchè una volta staccato dalla pianta il frutto o la verdura non saranno più nutrite dalla stessa e quindi consumeranno le proprie energie interne: da questo è possibile comprendere come maggiore sarà il tempo da cui il vegetale è stato raccolto e minore sarà il tenore vitaminico che potrà fornire.

Crude in quanto diverse sostanze di natura vitaminica sono sensibili al calore fornito con la cottura e fotolabili, degradabili quindi dalla radiazione luminosa caratteristica della luce solare. Dunque sia i tempi di cottura che le preparazioni che prevedono il taglio e la sbucciatura del prodotto comportano una perdita ulteriore di queste sostanze.

In assenza della possibilità di consumare fonti vegetali con queste caratteristiche o con queste modalità, il multivitaminico potrebbe mostrarsi una buona soluzione di completamento funzionale.

 

ANCHE SE UTILIZZO FRUTTA E VERDURA NE BRUCIO DI PIU’ DI QUANTI NE INTRODUCO CON LA MIA ATTIVITA’ FISICA?

La quantità delle diverse sostanze vitaminiche è strettamente correlata al livello di attività fisica in quanto fisiologicamente utilizzate come antiossidanti (come per esempio la vitamina C, la A, la E …) oppure nei processi biochimici correlati alle funzioni metaboliche (come per esempio le vitamine del gruppo B).

Quindi maggiore sarà il livello di attività fisica, maggiore sarà la produzione di specie radicaliche dell’ossigeno e di conseguenza maggiore sarà il fabbisogno di specie vitaminiche ad azione antiossidante.

Stesso discorso vale per i cofattori metabolici. Infatti maggiore sarà la richiesta metabolica dell’organismo, maggiore sarà la richiesta per esempio di vitamine del gruppo B.

Il quantitativo di micronutrienti dovrà quindi essere bilanciato sulla base del livello di attività dell’utilizzatore finale, completando se necessario quanto fatto con l’alimentazione anche con l’integrazione.

 

– NE ASSUMO ABBASTANZA PER LA MIA ETA’ E CONDIZIONE?

Un soggetto nell’età dello sviluppo avrà una massa corporea e un metabolismo variabile, diversamene da un soggetto nella terza età.

Oltre all’età anche il sesso rappresenta un’importante discriminante. Infatti l’assunzione vitaminica deve essere attentamente personalizzata, soprattutto nel periodo fertile per il sesso femminile, dove il turn over tissutale comporta un importante impegno sia metabolico che sintetico (tissutale ed emopoietico).

 

Per una integrazione corretta dovremo quindi considerare:

 

  • Possibilità alimentari
  • Età
  • Sesso
  • Livello di attività fisica

 

Il nostro farmacista esperto in integrazione ti aiuterà ad individuare il prodotto corretto per le tue esigenze. Ti aspettiamo a Legnano, in via Pontida!

 

27 Giu 2017

10 CONSIGLI PER DIMAGRIRE

Come dicevamo nel precedente post è abbastanza comune che con l’arrivo dell’estate si abbia voglia di buttare via le tossine, i chili di troppo e rimettersi in forma ritrovando una nuova energia.

 

Cosa fare? Qui 10 semplici ma importanti consigli da seguire:

 

  • Ridurre le calorie: la reazione al deficit calorico comporta l’utilizzo delle riserve adipose. In questo modo si compensa il calo di rifornimento energetico e si dimagrisce.
  • Ridurre i carboidrati: sono questi che stimolano l’insulina e favoriscono l’aumento dei depositi adiposi. Se riusciamo a ridurli il nostro corpo è costretto a bruciare le riserve adipose e si dimagrisce.
  • Mangiare poco ma spesso: per mantenere costante il metabolismo è necessario consumare 6 pasti bilanciati al giorno. Non saltiamo i pasti dunque ma rispettiamo la regola del poco e spesso.
  • Fare attività fisica: bastano anche 2 allenamenti alla settimana, purché costanti. L’attività cardio, soprattutto a stomaco vuoto, è l’ideale per smaltire calorie. Questo perchè il fisico va a ricercare energia dalle riserve adipose in eccesso e cosi si dimagrisce.
  • Aumentare le proteine: se desideriamo un fisico asciutto, le proteine, oltre a sviluppare i muscoli, agiscono in maniera diretta sul metabolismo e smaltiscono meglio i grassi.
  • Evitare i carboidrati prima di andare a letto: la digestione e il metabolismo, di sera, sono sempre più lenti: per questo motivo gli zuccheri non vengono bruciati e si formano depositi di grasso.
  • Assumere integratori termogenici per accelerare il metabolismo. I termogenici aiutano infatti a bruciare i grassi.
  • BCAA e carnitina prima dell’attività cardio. Oltre a favorire l’eliminazione del grasso aiutano a mantenere alti i livelli di testosterone.
  • Mangiare frutta e verdura in quantità. La frutta e la verdura, oltre a fornire il giusto equilibrio intestinale, aiutano la depurazione dell’organismo. Soprattutto la verdura. Non esageriamo con la frutta soprattutto la sera in quanto ricca di fruttosio.
  • Bere molta acqua: minimo 2 litri al giorno!

 

10 regole da seguire, osservare per dimagrire in salute e consapevolmente.

Ci vediamo in farmacia 🙂