0331 548252
Dal lunedì al sabato 08.00 - 12.30 e 15.00 - 19.30
02 Mag 2018

AMICO SOLE!

Il sole è vita, calore, energia. Il sole è “amico”!
O per lo meno cosi dovrebbe essere.

Affinché sia così è importante imparare a conoscerlo facendo attenzione agli effetti “nocivi” che un’esposizione sconsiderata può causare.

Prendere il sole ci fa sentire meglio e ci fornisce una nuova carica emotiva. Ci sentiamo piu belli, energici e felici.
Ma i raggi UV possono avere sul nostro organismo alcuni effetti importanti che è opportuno conoscere quali:

  • l’abbronzatura (o pigmentazione cutanea) il cui scopo naturale è proteggere la nostra pelle;
  • l’eritema solare ovvero l’arrossamento della pelle che, in caso di esposizione protratta, può trasformarsi in ustione;
  • l’attivazione della vitamina D per la quale è indispensabile l’esposizione ai raggi UV. La vitamina D attivata favorisce l’assorbimento del calcio da parte dell’intestino ed il suo deposito nelle ossa con conseguenti effetti benefici.

Ma andiamo per ordine.
La pelle, l’organo più esteso che protegge il nostro corpo dalle aggressioni esterne, esposta al sole subisce l’azione dei raggi UV. Se non ci fosse una attenzione e cura da parte nostra, questi possono provocare scottature, accelerare il processo di invecchiamento cutaneo (a causa della produzione di radicali liberi) sino a causare patologie cutanee a lungo termine.

Naturalmente, per difendersi dai raggi UV, la pelle attiva un processo di produzione di melanina: una sostanza che, assorbendo e riflettendo i raggi UV, protegge la nostra pelle.

Ma questo non basta. E’ opportuno il nostro intervento. E’ opportuno, soprattutto alla prima esposizione, intervenire con l’utilizzo di creme specifiche con adeguato filtro solare, adatto al proprio fototipo, e trattamenti lenitivi ed idratanti post esposizione.
Inoltre una corretta integrazione di beta-carotene (vitamina A), di cui è ricca la carota, vitamina E ed antiossidanti assunti a partire almeno da 1 mese prima dell’esposizione ai raggi del sole, aiuta a non scottarsi ed a proteggersi dai danni a lungo termine.

Il sole è un amico e per le istruzioni d’uso vi aspettiamo in farmacia 🙂 

06 Apr 2018

ACNE DA ADULTI?

Acne da adulti? Niente paura, ecco come trattarla

Un disturbo che colpisce i più giovani ma, a volte, torna sul viso degli adulti. Brufoli e punti neri rovinano la salute e la bellezza della pelle. In particolare, sono le donne a soffrirne a causa di stress e prodotti di bellezza. Come fare, quindi? Ecco qualche consiglio utile per migliorare la salute della propria pelle.

 

Le cause principali

L’acne, questo particolare disturbo dermatologico, è una fonte di disagio estetico e psicologico. Un difetto che può colpire gli adolescenti ma non solo. Molti sono gli adulti che hanno dovuto imparare a convivere con pori ostruiti, brufoli e punti neri. Viso, collo, schiena e petto sono tra le parti maggiormente interessate. Ma come mai? È a causa delle ghiandole sebacee e dal momento in cui i pori della pelle si ostruiscono, l’acne si manifesta. Negli adulti in particolare è la formazione di punti neri, punti bianchi e cisti a danneggiare la pelle. Ma chi ne soffre? Tutti ma in particolar modo le donne dopo i 25 anni. Le principali cause sono la gravidanza e il ciclo mestruale e, talvolta, la menopausa. Non solo, anche lo stress dal momento che l’organismo tende a produrre ormoni androgeni che stimolano le ghiandole sebacee e i follicoli piliferi. Ogni prodotto applicato sulla pelle dovrà essere controllato, dalle creme idratanti al make up fino ad arrivare alle creme solari. Ma ci sono anche dei miti da sfatare!

 

Trucchi e consigli

Quante volte abbiamo sentito dire che il cioccolato fa venire i brufoli? Eppure è un mito che è già stato sfatato anni fa. Le imperfezioni della pelle sono legate a una dieta squilibrata e non a questo amato comfort food. È inoltre consigliato il non utilizzo dello scrub viso. Il suo agente esfoliante irrita i brufoli e non aiuta la loro eliminazione. Rivolgendosi a uno specialista si riuscirà ad individuare la terapia migliore che potrebbe includere terapie per via orale e terapie antibiotiche. Si potranno utilizzare anche perossido di benzoile e acido salicilico. L’obiettivo? Ridurre la carica batterica e l’infiammazione! Se, dopo tutti i trattamenti, la pelle si seccherà bisognerà utilizzare una crema idratante dopo aver lavato il viso.

 

19 Ott 2017

EVENTI IN FARMACIA

Perché organizziamo gli eventi in farmacia?

Nell’ultimo periodo stiamo organizzando, in maniera frequente e sempre più sistemica, eventi e appuntamenti.

Parliamo di giornate tematiche che dedichiamo ad un argomento specifico o a brand specifici. Giornate in cui invitiamo consulenti e/o beauty esperti, momenti in cui una persona di noi si dedica tutto il tempo agli appuntamenti presi.

Giornate in cui informiamo, illustriamo e premiamo anche con promozioni e sconti.

In questo modo la farmacia diventa sempre più uno spazio nostro, un luogo di ascolto, confronto, crescita e cura reciproca.

Perché siamo effettivamente nella società della fretta e della rincorsa e la scelta di ritagliare momenti dedicati e di maggiore attenzione ci sembra nella giusta logica, mission e vision della nostra farmacia.

Ci sembra interessante la logica degli appuntamenti.

Ci sembra doveroso fare sempre meglio e di piu.

Ci sembra sano confrontarci.

Che eventi vorreste in farmacia?

Integratori, viso, capelli, linea, bellezza, makeup … di cosa parliamo la prossima volta?

 

Nel frattempo voi non perdetevi il nostro calendario 🙂

 

 

05 Ott 2017

CAPELLI: AUTUNNO O ORMONI?

Abbiamo parlato di capelli, abbiamo affrontato l’autunno e dato qualche piccolo suggerimento.

Ma oltre al passaggio fisiologico di una stagione possono esserci altre mille e personali sfumature.

Nel caso delle donne ad esempio ci sono gli ormoni che giocano – come sempre – un ruolo fondamentale.

Dopo il parto, durante l’allattamento, in un periodo di stress, quando si interrompe la pillola contraccettiva. Quando l’ovaio ha qualche alterazione o sta per cessare la sua attività, con la menopausa.
Sono tutte occasioni in cui gli ormoni in subbuglio possono creare problemi alla chioma femminile più folta.
Vedi una caduta più abbondante, fino a un diradamento evidente o, nei casi estremi, un’alopecia androgenetica, cioè una perdita legata a un surplus di ormoni maschili.

La prima cosa da fare è risalire alle cause del problema rivolgendosi come sempre a personale qualificato e competente.

Prendiamo ad esempio come riferimento il periodo successivo alla gravidanza durante la quale gli estrogeni avevano reso meravigliosi pelle e capelli. Lo stress del parto, il calo ormonale post-gestazione e, contemporaneamente, l’aumento della prolattina che stimola la produzione di latte materno, creano condizioni decisamente sfavorevoli. In fase di allattamento, perdipiù si perdono anche sali minerali altrettanto preziosi per i capelli.

Anche l’interruzione della pillola contraccettiva, con un conseguente calo degli estrogeni portati dal farmaco, può causare un passeggero squilibrio.

Ma sono fenomeni del tutto transitori. E anche in questi periodi è possibile prevenire l’eccessiva caduta: dopo una consulenza approfondita si può ricorrere a lozioni a base di proteine, in particolare di cheratina, nonché a integratori a base di sostanze come la biotina.

Come sempre accade la consapevolezza rappresenta il primo e fondamentale step per conquistare salute,  benessere e bellezza.

03 Ott 2017

CAPELLI E AUTUNNO

Con l’autunno e con l’avanzare della famosa #ToDoList tendiamo a prestare maggiore attenzione anche ai capelli.

Succede anche che in questa stagione specifica i capelli si trovino in un momento preciso definito da alcuni proprio “caduta fisiologica dei capelli”.

Mediamente gli esperti stimano che ognuno di noi perda, quasi senza accorgersene, tra i 50 e i 70 capelli al giorno.

Nel periodo autunnale il fenomeno si intensifica, ma si tratta di qualcosa di naturale: i capelli hanno, infatti, un loro ciclo di crescita che durante l’autunno e la primavera, mesi in cui ci accorgiamo di perderli, tende ad accelerare a causa del cambiamento climatico. Si tratta dunque di una sorta di “rinnovamento” del cuoio capelluto che non deve destare particolari preoccupazione a meno che la quantità sia davvero eccessiva.

Per cui niente allarmismo, ma qualche attenzione in più.

Ma non solo.

Qui i nostro suggerimenti:

  1. CAPELLI E ALIMENTAZIONE

Nutrirsi nel modo giusto è di primaria importanza per una capigliatura sana e robusta.
Largo spazio deve essere dato a frutta e verdura fresche, preziose fonti di vitamine, minerali e antiossidanti, che vanno consumate quotidianamente. Tra le vitamine più importanti c’è la B, la cui mancanza è tra le prime cause di caduta, poiché stimola la crescita dei capelli, oltre a combattere l’eccesso di sebo. La si può reperire mangiando cereali integrali, pesce grasso (come salmone, aringa e sgombro), piselli e yogurt.
La vitamina A, invece, presente in carote, fegato e patate dolci, rinforza il fusto. Infine, la vitamina C di cui sono ricchi agrumi, kiwi e peperonl, favorisce la crescita, mentre la vitamina E, che si trova in cereali, riso integrale, olio di oliva, mandorle e noci regola la produzione di sebo.
Per la salute della chioma sono importanti anche i sali minerali: il ferro, presente nella carne, e il rame, di cui è ricco il fegato. Lo zinco è assimilabile consumando carne di manzo e pane bianco. Il selenio è reperibile attraverso cereali, uova e pollame e, infine, il manganese, disponibile in pane integrale e avocado.
Non si dimentichi che a causare la perdita dei capelli può essere anche una dieta sbilanciata. Se l’alimentazione è povera di proteine che formano il fusto del capello, questo si indebolisce, diventa secco, opaco, sottile e facile a spezzarsi, fino a cadere. È utile anche bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, lontano dai pasti, come assumere cure con complessi vitaminici.

  1. NEMICO NERVOSISMO

Ansia e stress possono ripercuotersi sui capelli a causa di alterazioni ormonali. Tra gli ormoni prodotti in condizioni di stress ci sono quelli surrenalici, che riducono la vita media del capello.

  1. LONTANI DA DETTI E CREDENZE POPOLARI

Non è  vero che tagliare i capelli serve a rinforzarli, in quanto la parte viva è il follicolo pilifero sul cuoio capelluto, non la lunghezza.
Non è vero che i capelli vanno lavati meno frequentemente.
La caduta di capelli non si evita con l’uso di lozioni, creme, balsami e oli.

Come sempre accade la consapevolezza ci indicherà la strada giusta. E’ importante rivolgersi sempre a personale qualificato e insieme scegliere i percorsi giusti da seguire.

E’ importante individuare i prodotti giusti, non aggressivi e specifici per ogni precisa e personale esigenza (qui qualche idea).

Felice e ricco autunno 🙂

 

 

 

 

 

 

 

19 Set 2017

OBIETTIVO PELLE LUMINOSA!

Durante il periodo estivo –  causa caldo, aria secca, umido, raggi solari – la nostra pelle  subisce notevoli cambiamenti. Può succedere infatti che l’esposizione abbondante al sole, un’alimentazione sregolata o uno sbagliato utilizzo delle creme solari, provochino dei danni e cosi al rientro ci si ritrova con la pelle secca e disidratata.

Ristabilire la normale salute della pelle non è però una impresa impossibile.
Serve tempo, cura e dedizione. Bisogna ripristinare l’equilibrio cutaneo e la normale routine di pulizia e cura.

Particolarmente sensibile è la pelle del viso che richiede una attenzione particolare. Non dimentichiamo che di tutte le parti del corpo umano, la faccia è quella messa più a dura prova. Per questo è fondamentale riprendere il giusto ritmo applicando una crema idratante al mattino e una crema nutriente alla sera. Da non trascurare i trattamenti di bellezza come le maschere, da fare un paio di volte alla settimana e gli scrub settimanali con cui eliminare le cellule morte, favorendone il rigenero.

Non dimentichiamo che una pelle bella e sana ha bisogno di una prevenzione e di una cura continua, già a partire dal periodo in cui ci si espone al sole con filtri protettivi e integratori a base di antiossidanti e carotene.

Poi, al rientro dalle vacanze, la pelle va pulita con detergenti delicati e idratata con maschere specifiche per contrastare la xerosi (secchezza cutanea) o con trattamenti terapeutici ad hoc.

Il nostro consiglio è di detergere la pelle di viso e corpo ogni giorno in maniera costante e aiutarsi con prodotti qualificati per l’idratazione, individuabili meglio con l’aiuto di uno specialista.

Soprattutto per questo domani vi aspettiamo in farmacia. Non solo le nostre dottoresse faranno consulenze approfondite, personalizzate e gratuite. Per tutta la giornata ci sarà uno sconto eccezionale del 30% su tutti i prodotti idratanti!

OBIETTIVO PELLE LUMINOSA!

Ci vediamo in farmacia 🙂

 

24 Ago 2017

NOVE REGOLE PER GENGIVE PERFETTE

Abbiamo parlato di sorriso e denti. Spesso pero il vero cruccio è rappresentato dalle gengive.

L’infiammazione delle gengive causata spesso da un eccesso di batteri può essere l’origine di numerosissimi fastidi, sino a fare da apripista alla parodontite, una malattia che è la prima causa di perdita di denti nella terza età.

Per questo abbiamo cercato di racchiudere in dieci punti le regole principali da seguire. Regole base per non correre rischi, né da giovani né in tarda età.

 

  1. Non fumare.
  2. Lavare bene denti e gengive. Preferire lo spazzolino elettrico a quello manuale.
  3. Pulire gli spazi interdentali è fondamentale. Quando lo spazio lo consente utilizzare gli scovolini al posto del filo.
  4. Lavare denti e gengive almeno due volte al giorno per 4 minuti.
  5. Introdurre adeguate quantità di vitamina C e antiossidanti attraverso una dieta ricca di frutta e verdura.
  6. Sottoporsi almeno due volte all’anno a una seduta di igiene professionale e a un controllo dal dentista.
  7. Durante la visita di controllo chiedere di eseguire sempre il test PSR per controllare la salute delle gengive. Si tratta di un test indolore che in 5 minuti permette di valutare la presenza di gengive sane, la presenza di infiammazione superficiale (gengivite) o un problema profondo (parodontite).
  8. Se le gengive sanguinano, sono arrossate o l’alito è cattivo, andare subito dal dentista.
  9. Non trascurare le infiammazioni gengivali anche superficiali per evitare che si trasformino in parodontite.
22 Ago 2017

OBIETTIVO: SORRISO PERFETTO!

Parliamo di bellezza, di pelle, di corpo e di capelli.

Spesso però, nel parlare di bellezza – associata sempre alla nostra idea di salute – dimentichiamo un elemento e un aspetto fondamentale: il sorriso.

E’ noto a tutti che un buon sorriso contribuisca fortemente alla bellezza complessiva di una persona.

Prendersi cura del proprio sorriso con costanza consente di sfoggiare denti perfetti e contribuisce a migliorare lo stato di salute generale della persona.

Lo stato dei denti e della bocca influisce in maniera diretta e indiretta sullo stato di salute generale della persona in primis perché una corretta masticazione è fondamentale per poter seguire una dieta sana e variegata, ma anche per agevolare la digestione e ridurre i disturbi a carico dell’apparato digerente.

La corretta occlusione di mandibola e mascella gioca un ruolo molto importante nel prevenire problemi più o meno gravi a livello articolare e non solo: studi recenti hanno dimostrato l’esistenza di una relazione tra i difetti della masticazione e le emicranie ricorrenti, portando alla ribalta i grandi benefici dei trattamenti di ortodonzia, che non hanno quindi una finalità semplicemente estetica ma sono importanti anche per evitare di incorrere in disturbi invalidanti in età adulta.

 

In generale, sono molte le patologie che possono insorgere quando viene meno una cura attenta e scrupolosa della bocca: dalle semplici carie e alle fastidiose parodontiti, fino ad arrivare agli ascessi, le infezioni degli alveoli dentali e del tessuto che circonda le radici, particolarmente complesse da trattare ed estremamente dolorose.

 

Prendersi cura del proprio sorriso non è certo un’impresa impossibile: occorre armarsi di una buona dose di pazienza e stabilire una corretta routine di pulizia della bocca e di controlli dentistici presso un professionista di fiducia.

 

Spazzolino tradizionale ed elettrico sono ottimi alleati della salute dei denti, specie quando utilizzati in maniera corretta, ovvero senza eccedere con la pressione delle setole contro il dente e senza andare ad irritare le gengive. La pulizia con lo spazzolino permette di rimuovere i residui di cibo e allontanare quegli zuccheri che tendono a depositarsi sullo smalto e a dare luogo ai processi di fermentazione che ne causano la lenta erosione.

 

Consumare molta frutta e verdura è utile per assicurarsi un sorriso sempre smagliante: l’azione meccanica delle fibre di questi prodotti vegetali effettua una naturale azione purificatrice e sbiancante sullo smalto, mentre le vitamine e i sali minerali contenuti al loro interno favoriscono la salute delle gengive. Periodicamente, occorre sottoporsi ad un trattamento di pulizia dei denti, tramite il quale è possibile rimuovere la placca che si forma attorno ai colletti dentali e che può essere causa di carie, arrossamenti delle gengive e altri fastidiosi disturbi.

 

 

27 Giu 2017

10 CONSIGLI PER DIMAGRIRE

Come dicevamo nel precedente post è abbastanza comune che con l’arrivo dell’estate si abbia voglia di buttare via le tossine, i chili di troppo e rimettersi in forma ritrovando una nuova energia.

 

Cosa fare? Qui 10 semplici ma importanti consigli da seguire:

 

  • Ridurre le calorie: la reazione al deficit calorico comporta l’utilizzo delle riserve adipose. In questo modo si compensa il calo di rifornimento energetico e si dimagrisce.
  • Ridurre i carboidrati: sono questi che stimolano l’insulina e favoriscono l’aumento dei depositi adiposi. Se riusciamo a ridurli il nostro corpo è costretto a bruciare le riserve adipose e si dimagrisce.
  • Mangiare poco ma spesso: per mantenere costante il metabolismo è necessario consumare 6 pasti bilanciati al giorno. Non saltiamo i pasti dunque ma rispettiamo la regola del poco e spesso.
  • Fare attività fisica: bastano anche 2 allenamenti alla settimana, purché costanti. L’attività cardio, soprattutto a stomaco vuoto, è l’ideale per smaltire calorie. Questo perchè il fisico va a ricercare energia dalle riserve adipose in eccesso e cosi si dimagrisce.
  • Aumentare le proteine: se desideriamo un fisico asciutto, le proteine, oltre a sviluppare i muscoli, agiscono in maniera diretta sul metabolismo e smaltiscono meglio i grassi.
  • Evitare i carboidrati prima di andare a letto: la digestione e il metabolismo, di sera, sono sempre più lenti: per questo motivo gli zuccheri non vengono bruciati e si formano depositi di grasso.
  • Assumere integratori termogenici per accelerare il metabolismo. I termogenici aiutano infatti a bruciare i grassi.
  • BCAA e carnitina prima dell’attività cardio. Oltre a favorire l’eliminazione del grasso aiutano a mantenere alti i livelli di testosterone.
  • Mangiare frutta e verdura in quantità. La frutta e la verdura, oltre a fornire il giusto equilibrio intestinale, aiutano la depurazione dell’organismo. Soprattutto la verdura. Non esageriamo con la frutta soprattutto la sera in quanto ricca di fruttosio.
  • Bere molta acqua: minimo 2 litri al giorno!

 

10 regole da seguire, osservare per dimagrire in salute e consapevolmente.

Ci vediamo in farmacia 🙂

 

 

22 Giu 2017

ESTATE: ALL YOU NEED IS LOVE!

Si sa, con l’arrivo dell’estate arriva immancabilmente il desiderio di andare in vacanza.

La nostra mente e i nostri pensieri ci immaginano al mare, al lago, in qualche capitale o in montagna.

 

Non conta la meta, prevale la voglia di staccare la spina.

Non conta la meta, conta il pensare di andare fuori.

 

Spesso, quasi sempre, all’idea di vacanza e di estate associamo il pensiero della forma fisica. Un pensiero che, in modalità diverse, più o meno fanno tutti.

 

Andiamo per ordine.

 

Con l’arrivo dell’estate è abbastanza comune e anche fisiologico aver voglia di ripulirsi, di buttare via le tossine, i chili di troppo e rimettersi in forma ritrovando una nuova energia.

E’ abbastanza comune considerando le temperature, lo scoprirsi di più e il dover fare i conti con il costume.

Constatata questa comune propensione e partendo dal presupposto che si dovrebbe essere in forma sempre per una questione di salute – oltre le stagioni e l’incubo costume – possiamo dire che in questo caso vale il motto: non è mai troppo tardi.

Non è mai troppo tardi e vale sempre la pena di rimettersi in forma!

 

Come fare?

 

In primis abbandoniamo i pensieri ossessivi perché siamo più importanti di una taglia in quanto tale. Dietro ad ogni fisico si cela una personalità con una storia a sé ed esigenze specifiche.

Non esiste una ricetta segreta che ci renda “perfetti” ma solo una perfetta combinazione tra alimentazione, testa e attività fisica.

 

Quel momento in cui decidiamo di amare il nostro corpo a prescindere dalla forma e dal peso è un passo importante. Un passo che molti non sono in grado di fare per via della grande quantità di pregiudizi che esistono.

 

Eppure amare il nostro corpo è sinonimo di amare noi stessi.

La salute è la base di qualsiasi cosa e sentirci bene con il nostro corpo è un percorso che implica prenderci cura di esso e accudirlo con accettazione e affetto.

Proprio cosi, il nostro corpo merita uno sguardo di accettazione, amore e non disprezzo.

 

Fare attività fisica, ballare, amarlo, osservarlo sono parte dell’essere in contatto con esso.

Esiste una differenza molto grande tra il “prenderci cura” di noi stessi punendo e disprezzando il nostro corpo e il volerci prendere cura di noi per sentirci più sani accettando il fatto che si tratta del nostro corpo e che lo amiamo nonostante tutto e nonostante le sue forme. Quel momento sarà un grande passo per riconciliarci ancora una volta con noi stessi.

 

Fatto questo switch tornare in forma sarà un gioco da ragazzi 🙂

Ci vediamo in farmacia!